Category Archives: Uncategorized

Storie a lieto fine dall’India

“Reshma è una ragazzina di 14 anni con un passato di sofferenze alle spalle: viveva elemosinando sulla strada alla periferia di Hubli con i suoi genitori, che avevano venduto il suo fratellino, il che le aveva procurato un dolore terribile. Raccolta da Sr Irene è stata accolta nella boarding school Shanti Pragati (la prima scuola realizzata da Insieme per l’India per accogliere ed istruire bambini di strada). Vista la sua intelligenza e la sua fortissima motivazione allo studio nel giro di poco tempo ha imparato a leggere e scrivere. Nel corrente anno scolastico è stata trasferita nella English Medium School di Hubli, nella VII classe, bruciando tutte le tappe e superando i suoi compagni di classe che hanno frequentato regolarmente.
Per lei si prospetta un futuro radioso; conosciuta la sua storia, Insieme per l’India la sosterrà con immenso piacere.
Il suo grande sogno: ritrovare il fratellino.
Una storia a lieto fine per una bambina che fino a poco tempo fa era senza speranza.
Un bell’esempio per gli studenti svogliati!”

 

“Neelava è una ragazzina tredicenne arrivata alla boarding school Shanti Pragati, accompagnata dai vicini di casa.
Sottoposta a terribili vessazioni da parte dei suoi genitori e presto costretta ad un matrimonio combinato, era stata prelevata dai suoi zii, che avevano visto in lei la perfetta schiava di casa. A suon di botte, lavorava incessantemente, lei che sognava di andare a scuola. Impietositi dalle sofferenze inflitte alla bambina, alcuni vicini di casa, sentito dire che Sr Irene accoglie i bambini abandonati, gliel’hanno consegnata. Anche lei come Reshma è molto brava a scuola ed ora, raggiunta la serenità, frequenta la VII classe nella English Medium School di Hubli.
Ci prenderemo anche cura di lei, se lo merita!”

Riassunto dei progetti del 2015

Vi diamo un breve riepilogo dei progetti sostenuti nel corso del 2015:

  • Scuola di Pulluvapady: sono proseguiti i lavori per completare le ultime aule e una stanza da usare come dormitorio (per ora i bambini che si fermano sono solo una ventina perché mancano i fondi), il 6 agosto 2015 abbiamo partecipato all’inaugurazione. Restano le ultime rifiniture…
  • Adozioni a distanza: grazie a molti di voi, abbiamo sostenuto a distanza 259 bambini nei vari istituti e siamo felici di dirvi che per il 2016 saranno molti di più
  • Terremoto in Nepal: abbiamo inviato a giugno 2.000€ per costruire dei ripari per i poveri del villaggio di Kopu Gaon, in seguito abbiamo raccolto circa 10.000€ per costruire delle casette. La situazione in Nepal è drammatica ed uguale a 8 mesi fa, non c’è energia elettrica, benzina, gas, cibo e il governo ha bloccato tutti i soldi inviati per il terremoto. A fine dicembre abbiamo inviato 3.000€ a Suor Bernard, invieremo il resto poco per volta per evitare che vengano confiscati
  • Progetto bambini di strada di Padre Joseph: ad agosto abbiamo incontrato Padre Joseph (che già conoscevamo). Questo coraggioso sacerdote ora lavora in un ashram in Bidar, dove ospita, sfama e manda a scuola un gruppo di 30 ragazzini di strada con situazioni terribili di abbandono e disagio. Dispone di pochi mezzi, nel 2016 con alcune suore vorrebbe realizzare lo stesso progetto per le bambine, che rischiano violenze, stupri e sfruttamento. Ci è piaciuto molto il modo di lavorare, ma non potendo sostenere l’intero progetto abbiamo inviato a fine dicembre 2.000€
  • Progetto Spandana Trust a Mangalore: molti di voi conoscono l’Istituto di Suor Evangeline a Mangalore, dove adottiamo a distanza 110 bambini. A Natale abbiamo ricevuto una triste lettera in cui la suora ci raccontava che un’associazione italiana che l’aiutava, ha sospeso ogni aiuto con la scusa della crisi in Italia e lasciando senza aiuto 200 bambini, oltre che malati di cancro, AIDS, tubercolosi. Conoscendo il meraviglioso lavoro svolto da Suor Evangeline e dal suo team di assistenti sociali (verificato ogni anno durante la nostra visita nei villaggi e gruppi di muto aiuto di donne), non potevamo lasciare il suo appello inascoltato e abbiamo perciò inviato 4.000€.